.
Annunci online

Repubblicani Il P.R.I. di Carrara (MS)
L'Ospedale Civico di Carrara
post pubblicato in Comunicati, il 24 dicembre 2010
E’ tempo di feste natalizie e la città si riempie di luci. Ma non dappertutto. Al Civico Ospedale di Carrara la parola “Civico” è spenta. Si saranno fulminate le lampadine? Se è così auspichiamo che vengano subito sostituite. Oppure il motivo è un altro: il Civico Ospedale è diventato militare e non ce lo hanno detto. Qualche dubbio ci sovviene.

Sembrerebbe che il finanziamento per l’Ospedale unico di via Mattei sia stato ritirato, forse per tappare la voragine del bilancio ASL1. Sembra anche che l’area sia a rischio idraulico e la bonifica ambientale da venire. Nasce il sospetto che l’Ospedale unico non si farà. Se veramente fosse così, viene da chiedersi quale sarà il futuro della sanità nella nostra povera provincia. Ma, soprattutto, quale sarà il futuro di uno splendido e funzionale ospedale come quello di Carrara.

Non dimentichiamoci che il monoblocco risponde perfettamente ai dieci punti che l’Architetto Renzo Piano prevedeva per l’ospedale ideale; che è sufficientemente capiente per accogliere tutte le degenze necessarie nella Provincia di Massa e Carrara; che consente l’atterraggio degli elicotteri di soccorso necessari per gli infortuni in cava ed in montagna; che, con la realizzazione della Strada dei Marmi la viabilità è perfetta e, dulcis in fundo, pare che sia autonomo anche per quanto riguarda l’approvvigionamento idrico e non deve dipendere da Gaia.

Dando per assodato che tutti i tecnici sono d’accordo sulla necessità dell’Ospedale unico, anche i Repubblicani raccolgono questa indicazione e la fanno loro: che l’Ospedale unico sia quello di Carrara. E riaccendiamo la parola Civico. Altrimenti ci si spieghi perchè si depotenzia Carrara a favore di Massa dove le strutture sono lontane anni luce da quelle del monoblocco, dove gli elicotteri non possono atterrare, dove la viabilità è quanto di peggio si possa avere per un ricovero d’urgenza.

Sarà mica che stiamo pagando un prezzo per un porticciolo che non si farà mai?
Auguriamoci di no. La storia ci insegna che i massesi prima incassano e poi, forse mai, pagano.

Carrara 23.12.2010 - Roberto Fantoni - Segretario Provinciale del P.R.I.
Sfoglia novembre        marzo