.
Annunci online

Repubblicani Il P.R.I. di Carrara (MS)
Riunito il Direttivo dell'Unione Comunale del P.R.I. di Carrara
post pubblicato in Comunicati, il 9 dicembre 2011
Si è riunito il Direttivo dell’Unione Comunale Carrarese del PRI. Al termine della discussione è stato approvato il seguente documento:

I Repubblicani di Carrara approvano l’appoggio al Governo Monti deliberato dalla Direzione Nazionale del PRI.

I Repubblicani di Carrara esprimono grande soddisfazione per la ritrovata unità dei repubblicani italiani e ringraziano il Segretario provinciale per il ruolo che il Partito locale ha avuto nel raggiungimento di questo importante obbiettivo, che rende il PRI unico interlocutore per i futuri, possibili, accordi elettorali in vista della tornata della prossima primavera.

I Repubblicani di Carrara esprimono totale e fraterna solidarietà al Cittadino Oscar Giannino, vittima di un’aggressione fascista all’Università di Milano ad opera di delinquenti vigliacchi vicini all’area politica del Sindaco di Milano.

I Repubblicani di Carrara danno mandato al Segretario comunale di aprire le consultazioni per verificare se esistono le condizioni politiche e programmatiche per riconfermare l’alleanza con il PSI, maturata nella legislatura in scadenza. Auspicano che tale alleanza possa essere estesa ad altre forze culturalmente e storicamente affini come API e Italia Futura. Qualora le posizioni programmatiche fossero inconciliabili con la linea politica del Partito Repubblicano Italiano, i Repubblicani di Carrara, deliberano, fin da ora, di presentarsi alle prossime elezioni amministrative con un proprio candidato a Sindaco della Città.

Al centro del confronto con gli altri Partiti dovranno essere posti:

Sviluppo turistico del Comune di Carrara con particolare riferimento alla marineria da diporto. Una volta verificata l’impossibilità di poter dare vita al porto turistico alla foce del Torrente Lavello, i Repubblicani di Carrara si impegnano ad ottenere la riconversione del porto commerciale, attualmente dominio di una lobby incompatibile con gli interessi della Città.

Difesa delle strutture sanitarie carraresi dalla politica di smantellamento portata in atto dal Presidente della Regione Toscana. Impegno totale per dotare la Città di un polo sanitario di grande livello, possibilmente pubblico o privato convenzionato.

Revisione totale del Regolamento degli Agri marmiferi con abolizione del regime enfiteutico e limitazione ad una sola concessione per lo sfruttamento dei giacimenti minerari. Limitazione ad una società ad azionariato popolare per l’estrazione, il trasporto e la lavorazione delle scaglie di cava. Chiusura della Progetto Carrara e revisione delle partecipazioni nelle aziende derivate.

I Repubblicani di Carrara deliberano di non accettare possibili alleanze all’interno delle quali si ritrovino liste civiche che si ispirino alla tradizione mazziniana e repubblicana carrarese in quanto prive di legittimazione storica e politica, ma dettate da interessi particolari di singoli individui.
E’ opinione dei Repubblicani di Carrara che il delirio politico di questi ultimi vent’anni sia giunto al termine e sia tornato il momento della politica nobile, disinteressata ed intesa come dovere civico e non come mezzo di sostentamento o, peggio, di arricchimento personale.

Carrara 09/12/2011 -  Il Segretario comunale P.R.I. - Giuliano Fazzi
L'autonomia del Pri al di fuori dei due poli
post pubblicato in Comunicati, il 26 gennaio 2007
L'Edera si prepara per le amministrative

Sulla base della nuova posizione politica assunta dal Partito Repubblicano Italiano a livello nazionale che consente piena autonomia nelle alleanze locali, avendo come riferimento il Partito Liberaldemocratico Europeo in un sistema caratterizzato da un forte bipolarismo.
Dovendo attivare una forte iniziativa che consenta al P.R.I. di ottimizzare i rapporti con tutte le componenti liberaldemocratiche presenti in entrambi gli schieramenti avendo l’obbiettivo di creare una federazione laica e liberale che diventi polo di attrazione per quelle risorse che si preparano ad abbandonare l’idea del partito democratico a sinistra e la federazione delle libertà nel centrodestra.
Preparandosi ad una tornata di elezioni amministrative che, mai come questa volta, significheranno la morte definitiva o la rinascita politica, sociale e culturale della Città.
Proponendo il progetto politico del Partito Repubblicano Italiano che parte dai programmi e dai problemi dei cittadini per arrivare successivamente alle alleanze.
Rivolgendosi a quella parte di carraresi i quali, come i repubblicani, non vogliono dividersi fra due schieramenti ed essere fuori dai due poli.
Il Direttivo del Partito Repubblicano Italiano Unione Comunale Carrarese, riunitosi il 22 gennaio ’07 nella pienezza dei propri poteri delibera:

Europe Italia Carrara Panorama of roofs with in the background the spire of the Cathedral belltower

  • 1 - La presentazione alle prossime elezioni amministrative del Comune di Carrara della Lista dell’Edera
  • 2 - L’apertura di rapporti ufficiali con i movimenti civici rappresentati dalla Prof.ssa Maria Mattei e con le forze che si riconoscono nel progetto politico, con particolare riferimento al patto di consultazione siglato a livello regionale fra tutte le componenti repubblicane, socialiste, liberali e laiche presenti nel territorio comunale
  • 3 - Da mandato al segretario di attivarsi da subito per la composizione della lista e la raccolta delle firme
  • 4 - Impone che i rapporti con le liste collegate siano improntate alla massima correttezza, lealtà e trasparenza, escludendo a priori ipotesi di collaborazione con soggetti politici che presentino al loro interno candidati dai trascorsi non cristallini, sia in termini di rilevanza penale che etica.

    Il direttivo del Pri dell'Unione Comunale di Carrara - 22.01.07



  • Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Edera Direttivo Unione Comunale Elezioni Comunali

    permalink | inviato da il 26/1/2007 alle 8:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
    Autonomia del PRI alle prossime elezioni amministrative di Carrara 2007
    post pubblicato in Comunicati, il 29 novembre 2006
    Ridurre drasticamente i costi della politica

    Il giorno 27 Novembre si è riunito, in via Loris Giorgi, il Direttivo UCC del Partito Repubblicano Italiano per discutere sulla situazione politica locale Al termine della riunione è stato approvato il seguente documento:

    Il direttivo dell’Unione Comunale Carrarese del Partito Repubblicano Italiano delibera la posizione autonoma del PRI alle prossime elezioni amministrative nel Comune di Carrara.
    La drammatica situazione economica , sociale, ambientale e culturale della Città , richiede che le forze politiche prendano atto di ciò ed operino, con senso dello stato, nell’esclusivo interesse dei cittadini.

    Image rendered with POV Ray by Valdemir Carrara

    I repubblicani ritengono che dopo 50 anni sia indispensabile proporre un’alternativa seria, competente e credibile per il governo locale.
    Mentre il centrosinistra appare prigioniero delle logiche interne per la spartizione del potere, si moltiplicano le istanze dei cittadini per rivendicare uno spazio politico all’interno del quale possa trovare posto un modo di governare diverso dall’attuale, ma antico nella concezione.
    Una concezione di stato che in Italia si è realizzata solo con la Repubblica Romana. Il che significa governo del Cittadino. Su questo concetto di fondo si differenzia la posizione del PRI da tutte le altre forze politiche. In questo concetto si riassume tutto l’insegnamento di Mazzini.
    I Repubblicani carraresi auspicano che tutte le istanze tese al rinnovamento della classe dirigente possano trovare unitarietà d’intenti ed esprimere un candidato in grado di rappresentare in sé l’intera problematica , partendo dalle condizione femminile, passando dal disagio sociale e dalla povertà, per concludere alla sanità.
    I Repubblicani carraresi si impegnano nel loro programma a sviluppare il turismo e l’occupazione giovanile, ad impedire il disastro ambientale, a mantenere aperto ed integro l’Ospedale di Carrara e sono pronti a sacrificare, in un progetto unitario con i Cittadini, l’espressione di bandiera del candidato a sindaco, ponendo le seguenti condizioni: il candidato dovrà rappresentare le istanze dei cittadini carraresi, avere esperienza politica ed amministrativa, un passato privo della benché minima ombra, vivere del proprio lavoro ed essere di cultura laica.
    Inoltre, sebbene si parli tanto di emarginazione e condizione femminile, il candidato che il PRI è disponibile a sostenere con la propria lista, dovrà essere una espressione reale e concreta dei cittadini che vivono tali condizioni di disagio, slegato da ogni possibile condizionamento partitico, clientelare ed economico.
    Tale candidato dovrà, inoltre, garantire che i costi della politica saranno ridotti almeno del 70% e che gli eletti o gli incaricati nei vari Enti derivati, abbiano diritto solo al rimborso delle spese in modo da riportare la politica ad un servizio e non ad una professione come è oggi.

    Carrara 28.11.06 - il Direttivo dell'U.C.C. del P.R.I. di Carrara

    Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Direttivo Unione Comunale Analisi Politica

    permalink | inviato da il 29/11/2006 alle 17:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
    Unione carrarese, la lista dei dirigenti del Pri
    post pubblicato in Comunicati, il 3 agosto 2005
    Definito il ruolo che spetta alle commissioni di studio

    Ridare nuova forza alla città

    La Segreteria dell'Unione Comunale Carrarese comunica che il direttivo ha completato la composizione degli organi dirigenti che risultano così composti:

    Consiglio direttivo: Agostini, Baccioli, Bellegoni, Cacciatore, Campoli, Cattaneo, Clementi, Ciancianaini, Chiappuella, Cucurnia, Dell'Amico, Fantoni, Fazzi, Maggiani, Menconi, Moretti, Musetti, Paoli, Orsini, Pezzica, Ugurgeri, Silicani, Puccetti, Pucci, Raso, Sanguinetti, Volpi.

    Comitato esecutivo: Baccioli, Bellegoni, Cacciatore, Fantoni, Fazzi, Orsini, Pezzica, Chiappuella, Raso.

    Sono state attivate le Commissioni di studio relative a: Porto, Attività Produttive Commercio e Turismo, Urbanistica, Sanità, Marmo, Cultura.
    Il ruolo delle Commissioni è quello di formulare le proposte per il progetto politico amministrativo locale del Partito Repubblicano Italiano per la
    campagna elettorale del 2007.
    Intendimento dei repubblicani è la formulazione di una proposta complessiva che rivoluzioni l'assetto politico economico della Città, giunta ormai allo stremo per la crisi strutturale che la attanaglia da tempo.
    Punti focali del programma sono la ristrutturazione del comparto lapideo con divieto del prelievo delle scaglie da parte di privati e riconversione del porto commerciale
    in porto turistico.
    L'ipocrita buonismo della maggioranza di governo locale, ha comportato la svendita a Massa di tutte le principali attività produttive e di supporto strutturale.
    Di fatto Carrara è diventata un paesone in provincia di Massa, con nessuna voce in capitolo riguardo alle scelte fondamentali di indirizzo economico. I repubblicani intendono invertire questa tendenza, affrancando la Città dalle prepotenze dei vicini d'oltrefoce i quali, superando le coloriture politiche, riescono a fare sistema a spese dei carraresi. Con la stupida accusa di bieco campanilismo, vengono affossate tutte le legittime aspirazioni dei nostri cittadini, grazie, soprattutto, alla complicità delle forze politiche locali, succubi delle dirigenze massesi.

    Il programma politico del Pri
    ridarà forza e dignità a Carrara, consentirà il superamento della monocultura del marmo e taglierà le unghie ai padroni, o presunti tali, della Città, restituendo il potere democratico ai cittadini elettori, elevandoli dall'attuale ruolo di semplici sudditi.

    Unione Comunale Pri Carrara
    Sfoglia novembre        febbraio