.
Annunci online

Repubblicani Il P.R.I. di Carrara (MS)
Berlusconi si fida del P.R.I.
post pubblicato in Interviste, il 22 dicembre 2009
Voce Repubblicana del 22 dicembre 2009
Intervista a Giancarlo Camerucci
Di Lanfranco Palazzolo

Silvio Berlusconi si fida della lealtà del Partito Repubblicano Italiano. Lo ha rivelato alla “Voce Repubblicana” il Vicesegretario del Partito Repubblicano Italiano Giancarlo Camerucci, che ha incontrato Silvio Berlusconi con la delegazione del Pri il giorno in cui è stato dimesso dall’ospedale San Raffaele di Milano. Oltre a Camerucci, la delegazione del Pri era composta dal Segretario Nazionale del Partito Repubblicano Francesco Nucara e dal consigliere comunale repubblicano al comune di Milano Franco De Angelis.

Dottor Camerucci, come è nata l’idea di un incontro con il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi dopo il grave attentato che il capo del Governo ha subito a Milano oltre una settimana fa?
“L’idea della visita che abbiamo svolto lo scroso 17 dicembre è nato in un clima di grande solidarietà umana nei confronti dell’assurdo atto che il Presidente del Consiglio ha subito in Piazza Duomo due domeniche fa. Vedere questa ferocia contro il Presidente del Consiglio ci è sembrata assurdo ed inusuale. La sensazione che abbiamo avuto è stata quella del degrado del clima politico, che non fa parte della nostra storia recente. Il nostro è stata un’iniziativa spontanea ed umana. Il nostro desiderio era quello di poter incontrare il Presidente del Consiglio”.

Eravate sicuri di riuscire a vederlo visto il riserbo che c’era stato attorno al capo del Governo dopo l’aggressione in Piazza Duomo?
“No, non eravamo sicuri di vederlo. Sapevamo che il premier sarebbe uscito tra il 16 dicembre e il 17 dicembre dall’ospedale e che avrebbe avuto la necessità di non vedere nessuno. Ma quando la delegazione del Pri, composta da me e dal Segretario Francesco Nucara, è giunta a Milano non abbiamo atteso molto tempo prima di ricevere una risposta positiva da parte del premier. Berlsuconi si è detto sorpreso di questa violenza contro la sua persona e dell’odio che
ha visto quel giorno in piazza da parte di alcuni che lo hanno criticato in piazza”.

Cosa vi ha detto in particolare sul Pri?
“Ci ha ringraziato per l’appoggio che abbiamo dato e continuiamo a dare al Governo. Ha sottolineato che il Partito Repubblicano Italiano ha dato il suo appoggio al Pdl pur senza entrare nel nuovo partito. Noi abbiamo ribadito a Berlusconi che non vogliamo ammainare la bandiera del repubblicanesimo e dei repubblicani pur restando fedeli all’impegno dell’alleanza con l’attuale governo. Abbiamo ribadito a Berlusconi l’intenzione di dare il nostro apporto alla maggioranza con i nostri uomini e il nostro impegno di soggetto politico autonomo per risolvere i problemi del Paese che si sono aggravati con la crisi economica internazionale”.

Che tipo di considerazioni ha fatto Berlusconi?
“Ha detto che si fida del Partito Repubblicano Italiano e che considera il nostro come un partito di persone serie e caratterizzato dalla coerenza. Berlusconi si è detto dispiaciuto che il Pri non ha potuto partecipare attivamente al suo quarto governo nonostante le legittime aspettative del Partito. Noi abbiamo ribadito a Berlusconi che il problema non è affatto quello di un ministero per i repubblicani, ma di portare avanti la nostra collaborazione con la maggioranza, che qualche volta ci soddisfa e qualche volta incontra anche le nostre critiche. Ma questo fa parte della dialettica politica. Questo è il senso di quello che ci siamo detti”.

Quali altri argomenti avete toccato?
“Non abbiamo parlato solo di politica. Abbiamo chiesto a Berlusconi i particolari dell’intervento che ha subito dopo l’aggressione e gli abbiamo domandato nei particolari che tipo di ferite aveva riportato sul viso. Berlusconi era sconcertato per questo gesto perché si ritiene un amico della gente. E non si aspettava un atto del genere. Il Presidente del Consiglio è consapevole della crisi economica e delle difficoltà che incontrano le persone in momenti come questi. E di questo si è rammaricato molto con noi”.

Lo avete trovato depresso per certi attacchi duri che ha subito in queste settimane?
“Berlusconi non è affatto depresso. E’ molto dispiaciuto del clima che ha visto contro di lui. Ma dal punto di vista della tempra, ho avuto l’impressione di un uomo molto forte e che vuole tornare subito all’impegno politico. Lui ci ha detto che avrebbe voluto fare di più per gli italiani, ma i problemi legati al bilancio e alle finanze pubbliche non gli hanno permesso uno sforzo superiore”.

Ha fatto delle domande specifiche sul Pri oltre ai temi che avete trattato?
“Non ha fatto nessuna domanda particolare dopo quello che ci siamo detti. Berlusconi sa perfettamente quanto siamo seri e conosce le motivazioni ideali che ci sono dietro le nostre posizioni. Quando Berlusconi ha parlato di noi lo ha fatto citando i repubblicani come identità politica e ha lodato la lealtà di Francesco Nucara”.

Avete trovato parole di odio da parte di Berlusconi contro il suo aggressore?
“No, non ha pronunciato nemmeno una parola di odio o di critica personale nei confronti di Massimo Tartaglia. Ho avuto l’impressione – ma questa è una mia impressione – che Berlusconi sia più propenso a perdonare questo ragazzo piuttosto che a volere contro di lui la pena più dura. Se dovessi riassumere i sentimenti che ho visto in Berlusconi potrei parlare di serenità, di tristezza per l’atto subito e di grande determinazione nel proseguire il suo impegno politico. E’ pronto per andare avanti sul cammino che il governo ha intrapreso”.
Verso il congresso
post pubblicato in Nota politica, il 10 dicembre 2009
Il Pri ha una linea autonoma ribadita all’unanimità dall’ultimo Consiglio nazionale

di Francesco Nucara

Sono comparsi sulla scena repubblicani che, dopo anni di assoluto letargo politico e partitico, dimostrano improvvisamente un giovanilismo sorprendente. Ce ne compiacciamo.

Nel Pri si è aperta una partita importante per il futuro del partito.

Quando arriva l’ora del crepuscolo, le ombre dei nani si allungano e sembrano diventare gigantesche, ma sempre di nani si tratta. All’orizzonte i repubblicani hanno un congresso e sarà un congresso duro e finalmente chiarificatore per tutti i repubblicani. La storia del Pri è, ahimè, intrisa di bugie che autorevoli dirigenti hanno seminato lungo il percorso già accidentato della politica liberal-democratica. Come si evince dall’intervista rilasciata da Giorgio La Malfa a "Il Resto del Carlino" del 3 dicembre scorso, apprendiamo che Berlusconi "aveva la possibilità di esercitare una forte azione di stimolo nei confronti dell’economia del Paese ma non l’ha mai fatto". Un vero peccato che il nostro ministro nel 2005-2006 non abbia potuto far nulla, nemmeno dimettersi da ministro, visto che le cose andavano così male.

Eppure l’opportunità gli era stata data nell’ottobre del 2005, quando un altro membro repubblicano del governo aveva dato le proprie dimissioni.

E che dire del piano di Lisbona italiano, giudicato dalla Direzione generale competente di Bruxelles il peggiore tra quello dei 27 paesi dell’Unione? Certo non tutti hanno la possibilità di incontrarsi nei conventi con il governatore della Banca d’Italia, come non tutti pensano sia giusto rimproverare l’iniziativa di un giovane avvocato che intraprende un’azione legale per far pagare l’Ici al Vaticano.

E non tutti i dirigenti repubblicani hanno la possibilità di fruire gratuitamente dell’assistenza legale dello stesso giovane avvocato, in una lite civile dalla quale potrebbero scaturire ulteriori sviluppi.

Apprendiamo, sempre nella stessa intervista, e ne siamo felici, che le organizzazioni periferiche del Pri hanno piena autonomia nel decidere le alleanze elettorali.

Non basta essere laureati in legge per bene interpretare gli statuti.

Anche perché ad un’autonomia di Consociazioni provinciali e di Federazioni regionali corrisponde un’autonomia gerarchicamente superiore, che è quella della Direzione nazionale.

Ebbene, che gli amici repubblicani sappiano che il Pri deve avere una propria linea autonoma, quella già tracciata dal Convegno di Milano dell’ottobre 2007 e ribadita all’unanimità dall’ultimo Consiglio nazionale. Ed è anche bene che chi osteggia quella linea, sostenendo qualche mese dopo che la "spinta programmatica" del Pri era esaurita e bisognava che si ponesse fine ad una storia secolare per inseminare il Pdl della cultura repubblicana, illuminasse la "massa" dei suoi (in vero pochi) amici repubblicani sui suoi recenti orientamenti.

Abbiamo resistito e ci siamo rifiutati di consegnare le bandiere repubblicane al Pdl. Non siamo saliti sul palco del Pdl a Roma. Altri erano già saliti sullo stesso palco a Milano.

E’ nostro dovere usare il linguaggio della verità con i repubblicani.

E lo faremo: costi quel che costi.

P.s.: ricordiamo a dirigenti e parlamentari repubblicani che il Pri non ha cambiato sede e che, per inciso, nella graziosa via Parma, di rimarchevole (ai fini politici), esiste solo un discreto ristorante.

Roma, 7 dicembre 2009
vedi articolo originale

Sfoglia novembre        gennaio