.
Annunci online

Repubblicani Il P.R.I. di Carrara (MS)
Il debito del Cermec "scaricato" sui Cittadini
post pubblicato in Segreteria, il 15 giugno 2011
Come è prassi in questo periodo storico, anche nella politica i problemi vengono bruciati in modo consumistico: esplodono sui giornali, fanno notizia, tutti ne discutono e poi si passa al prossimo. Visto il marasma, il problema successivo è sempre vicino e salvifico. Questo è il caso preciso del Cermec. L’Azienda consortile ha caricato i Cittadini della nostra Provincia, di un debito superiore ai 30 milioni di euro.

Non è costume dei Repubblicani entrare nel merito degli aspetti penali legati alla vicenda: c’è la Magistratura che se ne occupa e siamo certi che verrà fatta piena luce. Ma le gravissime responsabilità politiche che ci sono, non sono state minimamente affrontate dai partiti. E su questo non si può tacere. I vertici del Cermec, dal Presidente al Direttore, sono tutti di nomina politica. E tutti di provenienza PD. Non solo: essendo il Comune di Massa la “stazione appaltante” ovvero il Comune che ha le massime responsabilità tecniche ed amministrative nel Consorzio, è l’Assessore all’Ambiente del Comune di Massa il soggetto politico-amministrativo di riferimento. E guarda caso fu proprio con un assessore che oggi è uno dei consiglieri comunali del PD, che il debito maturò e crebbe in modo tanto rilevante.

E’ parere dei Repubblicani che il Partito Democratico senta il dovere di dare spiegazioni ai cittadini, i quali dovranno far fronte ad un debito enorme equamente ripartito su Massa e su Carrara ma, soprattutto, si esprima sull’operato del suo ex assessore, oggi Consigliere PD, il quale non sembra avere ben operato, a giudizio dell’Edera.

E la smetta il Partito Democratico di Massa, di esibire bandiere e simboli Repubblicani. Il PD non può e non deve farlo. L’Edera è del PRI e solo del PRI. Ed il PRI è vivo e vegeto. In Provincia ha consolidato e strutturato la sua presenza a Carrara ed ora si sta riorganizzando anche su Massa. E non permette a transfughi opportunisti di appropriarsi di una storia che hanno rinnegato.

Carrara 14 giugno 2011 - Roberto Fantoni - Segretario Provinciale del P.R.I. di Massa e Carrara
Dall' Unione carrarese lettera a Nucara, Segr. Naz.le del Pri
post pubblicato in Segreteria, il 8 ottobre 2005
Il dovere di dare risposte serie a cittadini ed elettori
Le battaglie che verranno

Caro Francesco, non ci conosciamo di persona. Come ben sai, a Carrara abbiamo recuperato una situazione molto difficile. Poco prima delle scorse elezioni regionali, tutti i nostri rappresentanti negli Enti Locali e derivati ci hanno abbandonato, convinti di distruggere il Partito. Ma hanno fatto male i loro conti. Grazie all'impegno degli amici, ed in particolare di Almo e Corradino, l'Unione Comunale ha resistito bene e, sotto certi aspetti, si è addirittura rafforzata. Oggi siamo primi attori sulla scena politica locale e stiamo recuperando la stima e la simpatia di coloro i quali conoscono la nostra storia e la nostra tradizione. Molti che si erano allontanati, stanno tornando. Cittadini amareggiati e delusi vedono in noi una speranza per il futuro. Questo ci inorgoglisce, ma ci responsabilizza. Purtroppo siamo privi di riferimenti istituzionali. Non abbiamo nessun dialogo con la maggioranza di sinistra, ma neppure con l'opposizione di centrodestra. Il sottosegretario alle telecomunicazioni Massimo Baldini, leader locale della CdL, e mio personale amico, è un vecchio socialdemocratico e di lui do lo stesso giudizio che dava Pacciardi dei socialdemocratici. Tuttavia questo non ci preoccupa e non limita in alcun modo la nostra azione politica. Ma la Città vuole, da noi Repubblicani, risposte serie e di governo. I problemi sono immensi: l'economia è inesistente ed il degrado sociale ai massimi livelli. Un figlio del nostro splendido sud mi capisce senza bisogno di troppe parole: la situazione è identica, se non peggiore.
Gli argomenti fondanti fanno capo a due settori: ambiente e porto. Nessuno, meglio di te, può sostenerci in questo duro confronto politico e non possiamo dialogare solo per via epistolare. Abbiamo, quindi, bisogno di sapere quando puoi venire a Carrara, per dedicare una giornata agli amici, durante la quale sviluppare i vari temi e concordare strategie comuni. Se vuoi, possiamo venire noi a Roma, ma non sarebbe la stessa cosa. I Repubblicani hanno diritto di stare con il loro Segretario Nazionale e tu puoi dare loro quello che io non posso: una presenza istituzionale di grosso spessore. Sai meglio di me che la prossima campagna elettorale avrà bisogno di forza e passione. Gli amici sono tutto e si battono per amore del Partito e della Politica. Nessuno meglio del Segretario Nazionale può infondere loro coraggio e vigore. Ed infine, terminando il mio ruolo di segretario comunale e considerato che faremo molta strada insieme, te lo chiedo personalmente. Un abbraccio.

Roberto Fantoni

Unione Comunale Pri Carrara
Sfoglia maggio        settembre